Giornalista Chiacchierona » Carrie – Stephen King

Ultimi Commenti Inseriti

Uomini di oggi #2
Cinzia ha scritto un commento.
"LOL 😀 Quanto prendersela a cuore e quanto scegliere un luogo inadatto a fare repliche..." [Leggi tutto]
Uomini di oggi #2
Il DUCA ha scritto un commento.
"Che ridere questa idiot-phone generation.. ma è chiaro e lampante le motivazioni di..." [Leggi tutto]
Ma dove sono gli uomini capaci di corteggiare una donna?
IL DUCA ha scritto un commento.
"Da sempre gli uomini devono “conquistare” la..." [Leggi tutto]
Il brutto di essere belli
Giornalista Chiacchierona ha scritto un commento.
"🙂 C’era dell’ironia moooolto al femminile, che lei..." [Leggi tutto]
Ma dove sono gli uomini capaci di corteggiare una donna?
Giornalista Chiacchierona ha scritto un commento.
"Sempre disponibile al confronto,..." [Leggi tutto]
Il brutto di essere belli
Adam ha scritto un commento.
"altra cazzata di articolo.. perchè? ne ho le prove! anche dinanzi ad uno bellissimo,..." [Leggi tutto]
Ma dove sono gli uomini capaci di corteggiare una donna?
Adam ha scritto un commento.
"Esimia Giornalista chiaccherona, Senza scadere nello..." [Leggi tutto]
Ma dove sono gli uomini capaci di corteggiare una donna?
Adam ha scritto un commento.
"Alle donne che dicono non ci sono più gli uomini di..." [Leggi tutto]

Ultime 5 Pubblicazioni

24.05.2015 | Serena » 0 Commenti

La mia finta gabbia di solitudine

La mia finta gabbia di solitudineDovremmo avere sempre tutte le possibilità, così da essere coscienti del fatto che ciò che abbiamo è esattamente quello che vogliamo per noi. Quando non potevo prendere la patente ed era scons...
31.03.2015 | Pensierosa » 0 Commenti

Se non va bene il primo amore, hai un guasto

Se non va bene il primo amore, hai un guastoDa un lato ci sono quelle coppie formate da persone con differenze d'età, di professione, di vita, che scelgono di stabilire la loro unione per godersi la vita finché non ne hanno voglia. Dall'a...
25.03.2015 | Guerriera » 0 Commenti

Non piaccio alle donne

Non piaccio alle donneNon le piaccio. Non è la prima incapace di sopportarmi. Ho speso gli anni migliori della mia vita a cercare di indovinare il perché di questo fatto e, mentre mia madre cercava di inculcarmi il "...
15.03.2015 | Serena » 0 Commenti

La solitudine dei noti volti sorridenti

La solitudine dei noti volti sorridentiSpero che il titolo possieda quella tetra e inquietante aria cantilenante de "L'alba dei morti viventi", seppur composto da parole che, prese singolarmente, hanno un significato positivo. Sono gior...
11.02.2015 | Blog » 0 Commenti

4 anni | Ohmiodddio.

4 anni | Ohmiodddio.Stavo organizzando in pompa magna un giveaway per questo quarto compleanno del blog, ma seguo sempre i miei umori ballerini e - all'ultimo momento - ho deciso che no. Mi pare una paraculata, una co...
Argomenti: , ,

Blog | Ultime 3

24.05.2015 | Serena » 0 Commenti

La mia finta gabbia di solitudine

La mia finta gabbia di solitudineDovremmo avere sempre tutte le possibilità, così da essere coscienti del fatto che ciò che abbiamo è esattamente quello che vogliamo per noi. Quando non potevo prendere la patente ed era scons...
31.03.2015 | Pensierosa » 0 Commenti

Se non va bene il primo amore, hai un guasto

Se non va bene il primo amore, hai un guastoDa un lato ci sono quelle coppie formate da persone con differenze d'età, di professione, di vita, che scelgono di stabilire la loro unione per godersi la vita finché non ne hanno voglia. Dall'a...
25.03.2015 | Guerriera » 0 Commenti

Non piaccio alle donne

Non piaccio alle donneNon le piaccio. Non è la prima incapace di sopportarmi. Ho speso gli anni migliori della mia vita a cercare di indovinare il perché di questo fatto e, mentre mia madre cercava di inculcarmi il "...

Rubriche | Ultime 3

Quel che mi hai dato

Quel che mi hai datoNon importa quanti stronzi traditori io abbia incontrato, non sapevo che sarebbe bastata una sola persona che mi volesse bene per curare tutte le voragini che avevo dentro. Ne basta uno. Che v...
07.02.2015 | Punti di Vista » 0 Commenti

#50SfumatureDiGrigio: la crociata delle femministe (moraliste) per boicottarlo! – Al di là del Buco

#50SfumatureDiGrigio: la crociata delle femministe (moraliste) per boicottarlo! – Al di là del Buco#50SfumatureDiGrigio: la crociata delle femministe (moraliste) per boicottarlo! – Al di là del Buco. Sta per uscire il film, al cinema, e la polemica sulle #50sfumature si sta accendendo di nuov...
07.01.2015 | Videopost » 0 Commenti

Il mio secondo Natale con la Voice Power

Il mio secondo Natale con la Voice Power L'anno scorso è stato il turno di Shake Up Christmas, quest'anno invece gli insegnanti della scuola Voice Power hanno scelto Do they know it's Christmas. Il video della canzone di Natale del 201...

Bacheca | Ultime 3

#librorecensione video: L’uomo in fuga, di Richard Bachman

Ho deciso di dare una mossa al canale Youtube, registrando videorecensioni dei libri appena letti, è il turno de L'uomo in fuga, scritto da Richard Bachman - pseudonimo di Stephen King. Buona visi...

Cecità – Jose Saramago [Lettura Collettiva @Bibliophili]

Cecità - Jose Saramago [Lettura Collettiva @Bibliophili]Gruppo Bibliophili | Evento Cecità |@Biblio_philia su Instagram | Hashtag #laletturanonèsolitudine Lettura di Dicembre/Gennaio: La fattoria degli animali Breve Introduzione: su Facebook esiste ...

Il libro è sempre meglio del film?

Il libro è sempre meglio del film?Leggere, per scoprire che alcune storie che si amano tanto sono solo frutto della fantasia di un regista, non dell'autore dell'Omonimo racconto. Il libro è sempre meglio del film? Nel caso di Rapp...

Libreria | Ultime 3

Propositi di lettura – Dicembre 2014

Propositi di lettura - Dicembre 2014Punto della situazione sui propositi dell'ultimo mese in cui avevo scritto in questa rubrica - aprile 2014 Finire di leggere Rose Madder, di Stephen King; [NO] Finire di leggere Il più grande u...
18.12.2014 | Lettura Collettiva » 0 Commenti

#gdli100libri – I 100 libri di Dorfles [Gruppo di Lettura]

#gdli100libri - I 100 libri di Dorfles [Gruppo di Lettura]Iniziativa di: Ifeelbook Piattaforma di origine: Instagram Durata: variabile Missione: leggere i 100 libri che Dorfles indica come quelli che un vero lettore non può far mancare nel suo "repertor...

Propositi lettura per il 2015

Propositi lettura per il 2015Bilancio dei propositi 2014 | Post Originale Alternanza di generi: la mia intenzione era di alternare la lettura di classici, qualcosa di moderno, cicli di avventura, saggi... e devo dire che non...

Photoblog | Ultime 3

24.12.2013 | Photoblog » 0 Commenti

Buon compleanno

Buon compleanno Mamma mi porta un pacchetto e la mia Paty corre sul letto ♥♥...
06.12.2013 | Photoblog » 0 Commenti

It’s Christmas time

It's Christmas time È arrivato Natale anche in casa Chiacchierona!!...

14.11.2013 | Photoblog » 0 Commenti

Jap Lunch

Jap Lunch È uno dei giorni più importanti della vita della mia cara amica e io sono una delle persone citate nei ringraziamenti e presente al pranzo ''di famiglia''. Onorata, orgogliosa e serena. Tan...

Aeroporto | Ultime 3

You, again

You, again Boeing 737 con livrea Xl.com...

Un Airbus 330 a Cagliari

Un Airbus 330 a Cagliari Direzione Antille Francesi. Un bestione parcheggiato al Finger riempie un normalissimo sabato in aeroporto a Cagliari. ...

Nuvole a batuffoli

Nuvole a batuffoli Qualche volta parcheggio lontano dalle partenze e devo percorrere un lungo tratto a piedi. .. Stamattina mentre lo facevo, ecco che il cielo mi cattura. Nuvole soffici e bianche come cotone sull...

Giornalista Chiacchierona è...


Mi chiamo Cinzia, classe 1986, alias Kisal dai primi anni dopo il 2000 e diventata Giornalista Chiacchierona in occasione dell’apertura di questo blog. Nell’ottobre del 2010 mi trasferii in Germania...
leggi tutto...

Cerca nel Blog

#gdli100libri

#libri

@i_libri_di_gi

@booksnews

@l_amore_per_i_libri

@salottodeilibri

@ifeelbook

@the_italian_reader

#Librorecensioni

#UltimiLibri

#VlahVlahVlog

Seguimi su Facebook

Argomenti

Curiosi

Il viso dolce qui accanto ̬ quello di Carrie White, nella versione cinematografica Рfirmata da Brian de Palma Рdella conosciutissima e agghiacciante storia scritta da Stephen King, chiamata appunto Carrie e diventata, nella versione per i cinema italiani, Carrie РLo sguardo di Satana.

Ho acquistato il libro il mese scorso, durante una delle mie infinite scorribande su Amazon in cerca di titoli favolosi a buon prezzo (e ammetto di aver fatto dei gran begli affari, soprattutto nell’ambito King: mi sono procurata parte integrante della sua bibliografia più conosciuta e non ho speso un’infinità!).

Ho iniziato a leggere le sue 166 pagine qualche giorno fa, in sordina, senza rendermi conto… e la scena di apertura, nella sala docce del liceo di Chamberlaine, così forte e angosciante, mi ha conquistata all’istante e mi ha legata con un filo prepotente alla storia, tanto che – anche complice la brevità del romanzo – ho finito la lettura ieri notte.

Un branco di adolescenti stronze e una timida e impacciata alunna delle superiori, loro compagna di scuola.

Ecco a voi il branco: un sacco di piccoli e insulsi moscerini senza individualità e una vittima scelta perché impopolare, poco grintosa – a primo occhio – e con l’insicurezza coltivata sin dall’infanzia.

Carrie scopre l’esistenza delle mestruazioni quando, dopo la lezione di ginnastica a scuola, sopraggiunge il primo flusso della sua vita mentre è sotto la doccia, circondata dalle vispe e sviluppate compagne.

Senza comprendere il senso di quel sanguinamento, viene derisa da tutte e sommersa da un lancio di tamponi, tra le risate generali e l’arrivo della professoressa di educazione fisica che mette fine alla scena penosa, non senza aver dovuto usare le maniere forti con tutte, Carrie compresa.

Carrie non ha la naturalezza per affrontare la vita di tutti i giorni con coraggio e apertura, colpa anche di una madre bigotta e proibizionista, che l’ha cresciuta a furia di punizioni e rimbrotti, che l’hanno resa incerta di ogni passo da compiere, sempre in attesa di un probabile rimprovero o l’umiliazione di essersi spinta oltre i limiti concessi, oltre i quali la severa punizione sarebbe stata l’inferno.

In un contesto come questo, la giovane White tende a vivere un’esistenza all’ombra, convinta di essere sempre in errore e con la paura di osare troppo, rendersi desiderabile ed esposta ai piaceri della carne, cosa che l’avrebbe fatta finire sotto le ire di sua madre, e di conseguenza dentro lo sgabuzzino in cui avrebbe dovuto chiedere perdono e pentirsi di essere stata troppo sconsiderata.

L’episodio delle docce, nel suo essere diventato di dominio pubblico, scuote il sistema scolastico tanto da portare il preside del liceo a richiedere una pesante punizione per alcune alunne, responsabili di diversi scherzi di cattivo gusto ai danni di Carrie, inflittile nel tempo.

A Chris, una delle più indisponenti alunne della scuola, viene proibita la partecipazione al ballo, mentre Sue, anche lei partecipante attiva dello scherzo delle doccie, inizia a sentire sensi di colpa nei confronti della compagna di scuola e le due, in occasione del ballo di primavera che si sta organizzando a scuola come ogni anno, prendono la loro posizione: Chris è costretta a non parteciparvi, per punizione, mentre Sue invita il suo ragazzo a chiedere a Carrie di partecipare con lui, mentre lei non presenzia.

La serata del ballo, il momento dell’invito e la preparazione all’evento sono, per Carrie, l’unico momento apparentemente umano della sua giovane e strana vita: assume una sicurezza nuova, assapora il gusto della vicinanza delle persone e la sensazione di far parte di un gruppo, riceve complimenti per l’abito che lei stessa si è cucita e, quella sera, riceve persino complimenti perché è bella.

Non è più bella del solito, ma si sente meglio, è serena e sorride. Tanto basta per farla apprezzare da tutti, tanto basta perché il suo cavaliere sia sinceramente cortese con lei.

Carrie è incredula a ragione, si aspetta che da un momento all’altro possa diventare di nuovo oggetto di scherno per tutti, ma fa in tempo a prendere confidenza con la situazione, fin troppo bella da vivere, e nel momento in cui tutto prende una svolta, la rabbia che sgorga è indicibile, incommensurabile.

Non conta il fatto che il suo momento di gloria sia durato poco, contro una vita di tristezza alla quale ritornare non sarebbe stato un grande trauma. Conta il fatto che la sensazione provata le abbia dato la certezza che vivere sereni sia possibile, normale, ovvio e lo meriti lei più di chiunque altro.

Chiunque sia abituato a vivere nella fogna, se per un giorno riesce ad emergere oltre il tombino, non potrà mai più rassegnarsi all’idea che vivere nella puzza sia normale. Ha scoperto il profumo, ha capito che esiste anche l’odore e non solo il tanfo. L’avere vissuto qualcosa di meglio, anche per un secondo, lo porterà a voler ripetere quel singolo momento per tutta la vita, perché – visto quanti altri hanno come normalità quello stesso contesto – riterrà di meritarselo a sua volta.

Carrie è sempre stata impopolare e, nel frattempo, ha anche scoperto di possedere poteri telecinetici.

Sua madre la vede – per questo e anche perché l’ha concepita con un atto carnale nel quale si è riconosciuta troppo appagata e vogliosa non di sentire amore ma di provare piacere e passione – come progenie di Satana, figlia del demonio, del peccato ed è conscia che sia dotata di poteri oscuri e sconosciuti.

Il fatto che sia scritto da King e che sia un horror tinge questo romanzo rosso sangue, e non solo per l’epilogo finale in cui quella stronzetta di Chris con il suo portaborse leccaciuffa di Billie fanno precipitare sulla coppia reale del ballo due secchiate di sangue di maiale, ma perché anche se Carrie ha tutte le ragioni del mondo per farsi girare le palle per l’ennesima volta, scopriamo che la sua reazione è carica di rabbia ma anche di una spinta naturale, data dall’effettiva natura bestiale della ragazza.

La rabbia per i soprusi subiti nel tempo è solo il motivo che tutti vogliamo credere abbia Carrie, in realtà lei ha, dentro di sé, della cattiveria sopita che fa parte della sua natura e che, nel momento in cui viene stimolata a reagire e agire, scaglia contro chiunque, compresi sconosciuti che non si sono mai accaniti contro di lei.

Credibile e assolutamente reale, affascinante come caratteristica.

Avere un motivo per scagliare tutto per aria, a volte, è liberatorio. E’ bello. A volte desideriamo solo un piccolo motivo per poterci disfare di quella cattiveria di cui siamo tutti dotati, chi in piccole e chi in grandi dosi.

La verità è che il male fa parte di ognuno di noi esattamente come ne fa parte l’acqua, la carne e qualsiasi altra sostanza concreta e tangibile che abbiamo dentro.

Carrie può scatenare l’inferno e, messa alla berlina davanti alla scuola per l’ennesima volta, evita di porsi il problema di nascondere i suoi poteri ricevuti in dono da chissà quale direzione oscura dell’universo.

Carrie infligge la morte, è spietata e vendicativa, è anche maligna. Più di tutti coloro che hanno sempre riso di lei. Più di loro perché essere cattivi in gruppo significa essere piccoli in ogni senso. Più di loro perché essere sterminatori, da soli, significa avere dentro un diavolo che brucia.

imageMa fin dove si può arrivare per vendicarsi di un branco che si accanisce sempre nella stessa direzione?

Sputo queste idee senza fermarmi un attimo e scrivo una recensione sconclusionata Рtipico di me Рperch̩ un amico mi chiede un parere su Carrie, dopo che ho detto che ho appena finito di leggerlo.

Ecco cosa dico a lui, come un fiume in piena…

Io, per carattere, non finisco a lungo sotto le mire di un branco e non sono nemmeno di quelle che, per sentirsi forte, si infila in un gruppetto per fare parte di un pesce grosso

mi schiero con chi è tartassato e vado da ogni singolo membro del branco per farli sentire tutti ridicoli e piccoli

guardo il “colpito” per capire dove io possa puntare per tirare fuori quelle doti di forza che ognuno ha
normalmente la vittima di un branco è sempre quella che mostra palesemente una certa morbidezza in determinati contesti. ma non si tratta di deboli in toto, per quello

io voto il mio tempo a cercare il punto da cui estrarre la forza di ognuno e la faccio una ragione di vita

Mi aggrappo a queste dichiarazioni aggiungendo che lo faccio sin da piccola, quando un trio di compagni con i quali andavo d’accordo prendevano a calci lo zaino di un compagno che andava in giro sempre un po’ sdrucito e vagamente disordinato e sporco.

Mi ci mettevo in mezzo, tra quello zaino e i loro calci. Mi adoravano, quei tre coglioncelli, e quindi rovinavo il loro gioco: non potevano prendere a calci anche me, secondo loro. E quindi coglievo l’occasione per incazzarmi e distrarli: giocavo con loro a soffio con le figurine di calcio, collezionavo anche io i POG e mi infilavo nelle partite di calcio nel campetto fuori da scuola.

Poteva essere mio fratello, quello lì. Potevo farmi anche i cazzi miei, certo. Ma con quale coraggio vedere tutto e fare finta di nulla?

Ancora oggi mi capita di vedere gruppetti che, tutti stretti vorrebbero assomigliare all’oceano ma, presi separati, sono solo il getto d’acqua di un bidet.

E io, con questi merda, continuo a giocare perché non sentano la voglia di prendere a calci me e, allo stesso tempo, mi ascoltino mentre li ridicolizzo mettendoli davanti ad uno specchio per mostrare loro quanto siano puzzolenti, lerci, sporchi e insulsi.

Guarda Carrie – Lo sguardo di Satana

Scritto da kisal | Pubblicato in Antropologica » Letto 2.423 volte » Pubblicato martedì 11 dicembre 2012 alle 16:12

Argomenti: , , , , , , , , , , ,

INSERISCI COMMENTO | LEGGI COMMENTI


Post precedente:
Post Sucessivo:

Ti potrebbero interessare anche...

Le nostre chiacchiere in proposito...

0 COMMENTI

Commenta l'articolo


Giornalista Chiacchierona è un blog personale scritto da Cinzia Corda ed è stato aperto il 21 febbraio 2011.
Questo sito/blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001